• Mediazione Sicea

Mediazione

Una possibile alternativa al contenzioso

In presenza di una controversia che ci oppone ad un altro soggetto, la prima soluzione cui vien di pensare è quella giudiziale; rivolgersi cioè ad un'Autorità che decida in merito alla questione ed attruibuisca a ciascuno la propria ragione ristabilendo un ordine ideale. In un mondo ideale questa è sicuramente la giusta soluzione. Nel mondo reale, però, una volta scelta la via giudiziale, occorre realisticamente affrontare almeno tre ordini di problemi:

cosa-mediazione

  • I costi ed i tempi del giudizio sono incerti e spesso molto gravosi; la possibilità di veder rapidamente e senza pesanti esborsi riconosciuto il proprio buon diritto appare lontana.
  • Nel giudizio vi è sempre una quota di rischio; errori di forma, incomprensioni, errori del giudice o magari anche la fondatezza delle ragioni dell'avversario, non consentono assolute certezze sull'esito del procedimento.
  • Un processo con ogni probabilità incrinerà o, nei casi peggiori, renderà insostenibili rapporti che per ragioni diverse non è opportuno interrompere. Non conviene tagliare i ponti con i propri abituali partners commerciali e non c'è beneficio nell'inasprire un rapporto già difficile con il vicino di casa con cui, comunque , si dovrà in qualche modo convivere.

E' quindi senz'altro opportuno valutare una possibile alternativa: l'alternativa possibile è la MEDIAZIONE, un metodo di risoluzione delle controversie che si basa sull'intervento di un terzo indipendente, imparziale e neutro, il Mediatore appunto, il quale, appositamente preparato e formato, agisce quale facilitatore nel rapporto fra le parti di una controversia, assistendole e conducendole, se possibile, ad una soluzione concordata della vertenza.

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Ti preghiamo di cliccare il pulsante a fianco per accettarne l'utilizzo